Ketti Grunchi
Spostati un pelimetro

Ketti Grunchi

età consigliata: scuola dell’infanzia e primo ciclo primaria

teatro d’attore

temi: misurabilità e non misurabilità delle cose e delle emozioni

La mia casa è molto bella. Quanto? Fino al tetto!

La sua palla è rossa. Molto rossa. Cento volte.

Quanto bene voglio alla mia mamma? Tanto… così e fino al cielo!

Ho tantissima fame di cioccolata!

Tutta la mia pancia vuota.

Il mio amico è veramente simpatico… Il più mio di tutti.

Sono tanto arrabbiato. Non vedi i miei artigli?

 

I numeri misurano il mondo, e anche i sentimenti. Misurare è indispensabile per poter comprendere, conoscere e confrontare. Ma quando un bambino comincia a misurare il mondo? E cosa è misurabile? Cosa non lo è? Quali unità di misura possono servire?

Tutto si può misurare? Oppure no? Per esempio il ricordo – la poesia – la nostalgia?

E le storie?

La ricerca teatrale si avvicina alla scuola, ai bambini e alle insegnanti avviando una indagine circa il concetto di numero, confronto, misura e pre-misura per trovare parole, azioni e relazioni in grado di restituire scenicamente il concetto del misurabile e dell’in-misurabile.

testo e regia di Ketti Grunchi

con Aurora Candelli, Francesca Bellini e Fabio Benetti

scenografia e luci Yurji Pevere


Prenota spettacolo


Data/ora spettacolo

Cognome

Nome

Telefono

E-mail

Numero totale di posti che si intendono prenotare

Note aggiuntive

 voglio iscrivermi alla newsletter

Cliccando sul tasto prenota dichiari di aver letto e accettato la normativa privacy di questo sito

per leggere la normativa [CLICCA QUI]