Primo appuntamento di “Il Teatro per le Famiglie 17/18”, domenica 12 novembre con l’ultima produzione della Piccionaia con Carlo Presotto, Matteo Balbo e la danzatrice Valentina Dal Mas. Teatro d’attore e videoproiezioni per raccontare le piccole metamorfosi del diventare grandi attraverso le avventure degli animali.

Si alza il sipario su “IL TEATRO PER LE FAMIGLIE 2017/18”, il progetto della domenica pomeriggio al Teatro Ferrari curato per il secondo anno da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale per il Comune di Camposampiero, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Veneto e la collaborazione di Fondazione Antonveneta. L’appuntamento è per dome c da non perdere: la prima nazionale della nuova produzione firmata da Carlo Presotto per la compagnia vicentina e intitolata “GIROTONDO DEL BOSCO. RACCONTI DI PIUMA, DI PELO E DI FOGLIA”, che andrà in scena domenica 23 ottobre, come di consueto in doppia replica (ore 15 e 17). Fino a sabato 22 ottobre ancora possibile abbonarsi all’intera stagione o ai percorsi parziali Coccinella e Lupetto.

Lo spettacolo si ispira liberamente a quattro episodi letterari tra loro diversi per epoca e intonazione, ma accomunati dal racconto della natura: il romanzo breve di Dino Buzzati “Il segreto del bosco vecchio” del 1935, le favole moderne di Mauro Corona pubblicate nel 2010 in “Storie del bosco antico”, la raccolta di racconti di Mario Rigoni Stern “Uomini, boschi e api” del 1980, e il poema in versi in lingua persiana del mistico e poeta sufi Farid al-Din ‘Attar “Il linguaggio degli uccelli”, risalente al 1177. A partire da queste suggestioni, il percorso di narrazione e immagini di Presotto si è legato al teatro fisico di Matteo Balbo e al linguaggio della danza introdotto dalla nuova collaborazione con la danzatrice Valentina Dal Mas, per condurre piccoli e grandi spettatori a cercare il segreto del bosco e a ricordare la lingua degli uccelli, quella lingua segreta che parlavamo prima di nascere al mondo. Uno spettacolo che racconta le piccole metamorfosi che ci fanno diventare grandi: la pietra bambina che si stacca dalla montagna, viene presa per mano dal ghiacciaio e portata lontano da casa, la gazza che si innamora di un raggio di sole e cerca di afferrarlo in ogni riflesso di acqua sul lago, o i geni degli alberi che si danno appuntamento nella grande foresta di cui tanto hanno sentito parlare in gioventù…

Lo spettacolo nasce da un laboratorio con i ragazzi della scuola primaria condotto da Presotto, Balbo e Dal Mas, durante il quale i piccoli partecipanti, dopo aver letto insieme ai tre attori i testi di Corona, Rigoni Stern, Buzzati e Attar, hanno giocato con i gesti e le narrazioni, i suoni e le visioni, scegliendo ciascuno la propria guida tra gli animali del bosco. Ognuno di questi custodisce e accompagna una trasformazione: e così il ghiro affronterà la paura della solitudine, il riccio imparerà a proteggersi senza perdere la sua tenerezza, la gazza scoprirà che chi vuol bene non imprigiona il suo amore e la lumaca troverà il modo di non arrivare sempre in ritardo. E con loro il merlo, il picchio e la puzzola popoleranno un bosco narrato da una gazza ragazza, un genio degli alberi e un vento dispettoso.

Teatro d’attore e video proiezioni daranno vita ad un allestimento suggestivo, immerso nelle scenografie disegnate da un maestro quale Mauro Zocchetta e accompagnato dalle luci e dai suoni a cura di Martina Ambrosini. E realizzato grazie anche a tante collaborazioni, da Paola Rossi per la drammaturgia a Luciano Lora per la costruzione delle scene, da Viviana Palucci e Manola Bettio per il laboratorio di ricerca sul movimento, passando per Carla Albiero, autrice delle carte dipinte, e le giovanissime Federica Coluccia, Annachiara Meneghetti e Sofia Presotto.

Biglietti € 4. Promozione Porta il nonno a teatro: un nonno e due nipoti € 10. Prevendite biglietti: on line sul sito www.teatroferrari.it; a Camposampiero presso Libreria Costeniero (Via Mogno 44), Edicola Quadrifoglio (Via Giorgione 16) e Tabaccheria La Torre (Piazza Vittoria 17); a Castelfranco Veneto presso De Santi Dischi (Piazza Marconi 1)

Biglietteria al botteghino: in Teatro a partire da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli.

Informazioni per il pubblico e prenotazioni
telefono 366 6502085

mail info@teatroferrari.it
www.teatroferrari.it

Scarica il comunicato stampa
Galleria fotografica

 


Informazioni per la stampa:
Gloria Marini
La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale
334 9187656 – gloria.marini@piccionaia.org

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *